Davide Orlandi (Mede, 15/07/1992), sono un insegnante di Filosofia e storia, materie letterarie e linguistiche negli istituti medi e superiori. Sto per conseguire la mia quinta laurea. Dal mese di Maggio 2017 collaboro con il portale di filosofia “Pensiero Filosofico”. Sono volontario soccorritore e centralinista della Croce Azzurra Robbiese. Donatore sangue, volontario e consigliere dell'Avis comunale di Robbio. Volontario dell’associazione robbiese “I Live Panta Rei”, associazione che si batte per gli ultimi e per combattere ogni forma di discriminazione sociale. Corrispondente per il settimanale d'informazione “Il Corriere Eusebiano”, con sede a Vercelli (VC). Dal 2022 collaboro con il Giornale letterario. Ho vinto innumerevoli concorsi letterari nazionali e internazionali, sia a carattere poetico-aforistico che filosofico. Con Aracne ho pubblicato i seguenti libri: Cartesio e Bourdin. Le settime obiezioni (2016); Linguaggio e forme di vita. Saggio su Ludwig Wittgenstein (2017); Diego Marconi e la sua competenza lessicale. Un'analisi critica (2019). Interpretazioni di interpretazioni. Indagine sul prospettivismo nietzschiano, Youcanprint Editore, 2020; Come guarire dai social network attraverso due romanzi, Youcanprint Editore, 2021; Quel pazzo di Nietzsche. Come leggere la nostra vita e quelle altrui, AbelBooks, 2022; L'occasione del cambiamento, Youcanprint Editore, 2022. Ho collaborato con varie personalità di spicco del panorama culturale italiano e straniero come Mogol, Alfredo Rapetti Mogol (Cheope), Vittorio Sgarbi, Francesco Gazzè, Alessandro Quasimodo, Cosimo Damiano Damato, Hafez Haidar, Francesco Baccini, Tomaso Kemeny, Dato Magradze, Nunu Geladze, Reddad Cherrati, Franco Arminio, Alberto Casiraghy, Fabrizio Caramagna, Alessandra Paganardi e molti altri. Nel 2021 sono stato nominato “Uomo Illuminato” dagli Stati Generali delle Donne.
Le transizioni

Le transizioni

Febbraio 28, 2022

“Sono un ragazzo di ventidue anni, che a volte si comporta come immagina facciano gli uomini, potrei chiamarmi Anton o Adam o Gideon, il nome che di volta in volta suona meglio, e sono francese o tedesco o greco, ma albanese mai, e cammino esattamente come mi ha insegnato mio padre, a passi larghi e cadenzati, so bene come tenere alti petto e spalle, la mascella serrata a garantire che nessuno invada il mio territorio. E in momenti come questo la donna che è in me arde sul rogo”.
Comincia così “Le Transizioni”, un libro scoperto per caso, che mi ha riportato indietro negli anni più bui dell’Albania, quando alla fine del regime comunista, un popolo isolato per 40 anni si è trovato allo sbando totale.
Le transizioni ha la stessa forza di un pugno nello stomaco, dalla prima riga all’ultima. Il protagonista è Bujar, un personaggio camaleontico, che cambia nazionalità, nome e sesso in base al paese in cui sta girovagando. Bujar racconta la sua vita senza nasconderne gli aspetti più duri e senza mai perdere di vista il punto fondamentale: l’identità. Identità di genere, ma anche di lingua, di confini, di famiglia. Bujar è un personaggio in continua transizione.
La storia è raccontata in prima persona, in un succedersi di salti temporali, che ci portano agli anni d’infanzia del protagonista, in Albania, 1990/91, gli anni di Ramiz Alia, gli anni del disordine totale, quando “la puzza dell’Albania era arrivata a tutti gli albanesi” e scappava sognando di raggiungere quell’Europa che per anni gli era stata negata. Poi si torna al presente, inizi 2000 e al suo girovagare per il mondo, cambiando pelle, identità, storia, alla ricerca costante di se stesso e della sua pace. Pace che non troverà nemmeno nella sua ultima tappa, in Finlandia. Un viaggio attraverso Roma, Berlino, Madrid, New York, Helsinki, un viaggio che lo riporterà al punto di partenza,Tirana. Un romanzo che affronta in modo crudo sia l’identità, di qualsiasi tipo essa sia, che il passato difficile dell’Albania. L’ho sofferto e amato.

La violenza e il sacro

La violenza e il sacro

Febbraio 21, 2022

Su questo il grande Girard ci aveva preso in pieno. Uno dei maggiori problemi della convivenza civile è che le persone competono per ottenere la stessa cosa, beni e servizi. E occorre trovare un modo per evitare che questo provochi conflitti. Questo si fa non solo con le leggi e le sanzioni per chi le viola, ma anche mediante l’elaborazione psicologica della frustrazione per non poter ottenere ciò che si desidera. Fra l’altro, il villaggio globale, cioè la possibilità di sapere dell’esistenza di tante cose e tante vite diverse ha amplificato l’effetto Girard. In molte società tradizionali il capro espiatorio ha svolto la funzione di portarsi via la conflittualità interna al gruppo. Questo ha favorito anche i sacrifici umani in tutte le civiltà precolombiane e presso molti altri popoli. Uno dei messaggi della tradizione giudaico- cristiana è stato proprio la denuncia della mentalità sacrificale e l’insistere con forza sull’ altruismo come terapia contro il malessere dovuto alla frustrazione. Un messaggio rivoluzionario e ancora attuale.

BIGLIETTO BLU

BIGLIETTO BLU

Febbraio 13, 2022

Combattuto. Un libro che comincia bene, con ottimi presupposti ma si sviluppa malissimo.
Un romanzo distopico, un mondo in cui le donne il giorno delle loro prime mestruazioni sono convocate per estrarre il biglietto che indicherà poi il loro destino: bianco significa matrimonio e figli, blu tutto il resto. Da quel momento le due categorie conducono esistenze separate.
Calla, la protagonista, dal momento in cui la sorte le assegna il biglietto blu comincia a desiderare un’altra vita, non quella assegnatale. Da questo desiderio comincia a svilupparsi tutto il romanzo.
Romanzo che mi ha deluso, non racconta niente di questo mondo, si capisce ben poco, non si capisce il ruolo degli uomini e la loro condizione. Non spiega la suddivisione dei due mondi. Ci sono poche parentesi confuse sull’arrivo di Calla nella città delle “biglietto blu” è poco altro. Idea ottima…sviluppo meh..
Anche la conclusione, abbastanza un punto di domanda.

Legami feroci

Legami feroci

Febbraio 7, 2022

“Ho vissuto in quel condominio dai sei ai ventun anni. C’erano appartamenti, quattro per piano, e me lo ricordo come un edificio pieno di donne. Degli uomini quasi non ho memoria. Ce n’erano tantissimi, ovvio- mariti, padri, fratelli- ma io mi ricordo solo delle donne. Me le ricordo tutte sboccate come Mrs. Drucker o fiere come mia madre.”

«Fierce attachments» di Vivian Gornick (in Italia «Legami feroci») pubblicato per la prima volta nel 1987, ha sempre portato il sottotitolo “memoir” che invece ha perso nella traduzione italiana. Due donne camminano per le strade di New York, due donne come tante, una madre e una figlia che ricordano il passato e inevitabilmente si scontrano. La figlia è lei, Vivian Gornick, la scrittrice, la quale ripercorre la sua vita segnata dalle continue lotte per l’indipendenza dalla madre, quella che le cammina accanto, intelligente anche se non istruita, e nonostante sia prigioniera della perdita prematura del marito, rimane determinata nel voler affermare il suo ruolo di leader non solo in famiglia, ma anche nella comunità in cui hanno vissuto per anni.
La storia di un’emancipazione, lunga una vita, un’emancipazione sia da una madre ingombrante, sia da una società patriarcale.
Un capolavoro non da poco.
Legami feroci, come è feroce la vita, così feroce anche la scrittura di Vivian Gornick.

Lo storico e il testimone

Lo storico e il testimone

Febbraio 4, 2022

LA MESCHINITÀ

La meschinità è uno dei nostri atteggiamenti morali dominanti.
In questo bel libro del grande storico Browning si racconta come i polacchi a cui erano stati affidati i beni dei loro concittadini ebrei, quando questi sono stati trasferiti dai campi di lavoro a quelli di sterminio, se ne sono appropriati, convinti che fossero morti. Ma un numero significativo tornarono e allora alcuni gruppi anti comunisti della guerra civile che allora infuriava in Polonia, con varie motivazioni ideologiche, cattoliche, identitarie ecc., ma anche con l’intento di preservare le proprietà rubate, uccisero anche donne e bambini, tornati dai campi.
Si è meschini quando si fa del male agli altri consapevolmente, vergognandosi, convinti di fare il bene del proprio gruppo, con l’approvazione dei nostri.

LA MITE di Fedor Dostoevskij

LA MITE di Fedor Dostoevskij

Gennaio 31, 2022

“Dicono che il sole ravviva l’universo. Il sole si leverà e- guardatelo, non è forse un cadavere? Tutto è morto, è dappertutto cadaveri. Soltanto uomini, è intorno a loro il silenzio- questa è la terra! “Uomini, amatevi l’un l’altro” – chi è stato a dirlo? Di chi è questo precetto? È il pendolo batte, insensibile, odioso. Le due di notte. Le sue scarpine stanno accanto al letto, sembra che la aspettino…No, sul serio, che sarà di me quando domani la porteranno via?”

Un uomo di quarantuno anni, ex capitano cacciato da un illustre reggimento con l’accusa di viltà e ora titolare di un banco di pegni, non è un giusto, ma nemmeno un criminale. Ha rabbia, quella che prova l’individuo rifiutato dalla società. Si è innamorato e sposato la Mite, torturandola poi con il silenzio, un silenzio severo. Tutto il libro è un monologo di lui, cercando di capire perché lei si è tolta la vita.
Dostoevskij, un maestro come sempre nel dipingere la psicologia del protagonista, e facendo sentire il lettore come un pubblico che assiste al suo delirio. Leggere Dostoevskij per me è sempre un viaggio assurdo dentro la psiche umana. Un genio di altri tempi.

Follow by Email
Instagram